.
Annunci online

quattrogatti

Ma dire "no pasran" porta sfiga?

diario 22/8/2015

Nacque in francese “Ils ne passeront pas”,la frase fu dapprima proferita in lingua francese dal generale Robert Nivelle (anche se alcuni la attribuiscono al comandante Philippe Pétain) durante la battaglia di Verdun della Prima guerra mondiale. In seguito apparirà su svariati poster di propaganda, come quelli di Maurice Neumont dopo la seconda battaglia della Marna, ed infine sui distintivi dei soldati che combatterono sulla Linea Maginot. Il piano di invasione tedesco del 1940 (nome ufficiale Fall Gelb, ma spesso indicato anche come Sichelschnitt - "colpo di falce") venne pianificato tenendo in grande considerazione la Linea Maginot. Una forza civetta si appostò davanti alla Linea, mentre la vera forza d'attacco tagliò attraverso il Belgio e i Paesi Bassi, attraverso la Foresta delle Ardenne a nord delle difese principali dei francesi. In questo modo la forza d'attacco fu in grado di aggirare la Linea Maginot. La campagna di Francia durò 45 giorni… La sua versione in lingua spagnola, più popolare dell'originaria francese, risale invece a un messaggio di Dolores Ibárruri ai soldati al fronte, durante la guerra civile spagnola, in cui riprese la celebre frase per incitarli a combattere contro le truppe del generale Franco, il 18 luglio 1936… era il secondo giorno di guerra: la guerra spagnola fu lunga (2 anni, 8 mesi e 15 giorni) ma alla fine Franco congluse: "Hemos pasado".



permalink | inviato da albertolupi il 22/8/2015 alle 12:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Blog letto1 volte

Categorie
tags
teologia storia politica fisica quota musica psicologia linguistica economia grecia antica turismo clasici politica italiana liberalismo luoghi mitici storia dell'arte astroomia pubblica istruzione italia storia naturale assolutismo legislazione storia romana giovani filosofia e scienza mucica classica comunismo antimodernismo chiesa scienza letteratura letteratura italiana cultura iter indoeropei metafisica relgione religione cristianesimo riforma protestante economia capitalismo romanticismo italiano sacerdozio scuola cultura classica massoneria eritrea
Link
Questa pagina non costituisce testata giornalistica, non ha, comunque, carattere periodico essendo aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali ivi contenuti e dall'uzzolo dell'autore. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001. In essa segno (ossia è un log di navigazione) le cose interessanti che ho pensto in risposta a domande che vedo fare dagli utenti di siti web. È uno sguardo alla realtà dato in libertà intellettuale e senza preconcetti, con una grande curiosità… ma non “ad ogni costo”. È benvenuto chiunque sia educato e curioso. Commenti assennati saranno inegrati nelle varie voci.